Disturbi d'ansia

L'Ansia, come tutte le emozioni, non è disfunzionale in se ma al contrario è indispensabile per la nostra sopravvivenza perchè ci segnala la percezione di un pericolo.

Tuttavia, l'ansia diventa patologica quando l'intensità e la frequenza della stessa e delle condotte problematiche associate (es. evitamenti, rituali di controllo, etc) sono tali da produrre significativamente compromissioni nella vita del soggetto.

Quando lo stato d'ansia è particolarmente intenso può causare, com'è facile immaginare, una quasi totale compromissione della vita di relazione e dell'autonomia.

Tuttavia, di solito, il disturbo d'ansia diventa motivo di consultazione quando la persona ha fallito nei propri tentativi di gestione dei sintomi.

L'ansia patologica può assumere diverse forme, classificabili sulla base dei sintomi presentati e della specifica compromissione che ne deriva. Tra i principali disturbi d'ansia si annoverano i seguenti:

 

L'ATTACCO DI PANICO corrisponde ad un periodo preciso durante il quale vi è l'insorgenza improvvisa d'intensa apprensione, paura o terrore, spesso associati con una sensazione di catastrofe imminente.

Durante questi attacchi sono presenti sintomi come dispnea, palpitazioni, dolore o fastidio al petto, sensazione di asfissia o di soffocamento, e paura di "impazzire" o di perdere il controllo.

 

L'AGORAFOBIA è l'ansia e l'evitamento di luoghi o situazioni dai quali sarebbe difficile (o imbarazzante) allontanarsi o nei quali potrebbe non essere disponibile aiuto in caso di un Attacco di Panico o di sintomi tipo panico.

 

LA FOBIA SPECIFICA è caratterizzata da un'ansia clinicamnete significativa provocata dall'esposizione a un oggetto o una situazione temuti, che spesso determina condotte di evitamento.

 

LA FOBIA SOCIALE è caratterizzata da un'ansia clinicamente significativa provocata dall'esposizione a certi tipi di situazioni o di prestazioni sociali, che spesso determina condotte di evitamento.

 

IL DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO è caratterizzato da ossessioni (che causano ansia o disagio marcati) e/o compulsioni (che servono a neutralizzare l'ansia).

 

IL DISTURBO D'ANSIA GENERALIZZATO è caratterizzato da ansia e da preoccupazione persistenti ed eccessive riguardo una quantità di eventi o di attività (come prestazioni lavorative o scolastiche), che si manifestano per la maggior parte dei giorni per almeno 6 mesi.

 

L'IPOCONDRIA è caratterizzata dalla preoccupazione legata alla paura di avere, oppure alla convinzione di avere, una grave malattia, basata sull'errata interpretazione di sintomi somatici da parte del soggetto. La preoccupazione persiste nonostante la valutazione e la rassicurazione medica appropriata.

Quale cura

Il trattamento dei disturbi d'ansia, a seconda dei casi, può prevedere un duplice intervento, psicologico e farmacologico.

I farmaci riconosciuti più efficaci per l'ansia e per il panico sono le benzodiazepine e gli antidepressivi.

Tuttavia le benzodiazepine, a lungo termine, riducono la loro efficacia mentre l'interruzione del farmaco antidepressivo comporta il riacutizzarsi della sintomatologia ansiosa. Per tale ragione, è consigliabile affiancare al trattamento farmacologico un intervento di natura psicologica.

 

Tra le psicoterapie, la cui efficacia è al momento documentata dalla ricerca, quella Cognitivo Comportamentale ha ormai assunto il ruolo di trattamento d'elezione per molti disturbi psicologici, in particolare i disturbi d'ansia.

GIOVANNI DR. MINOTTI | 41, Piazzale De Matthaeis - 03100 Frosinone (FR) - Italia | P.I. 02014630608 | Tel. +39 0775 872548   - Cell. +39 339 2347600 | giovanni-minotti@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy